....

disappointment

Sfiniti ? Delusi ? Sicuramente sofferenti ma di certo non annoiati e poi…c’è tempo per rifarsi ! Parliamo del weekend pallavolistico appena trascorso e che ha visto sui campi di gioco le nostre squadre, storia a parte per U16 Fipav. Partiamo ad esempio dalle notizie giunte dalla sfida della squadra della MISTA: un 0-3 raggelante in quel di Gorgonzola che ha rispedito a casa la nostra compagine. Le ragazze l’U13 invece riescono a vincere, non senza fatica, per 3-2 a Rodano. Chiaramente ci basiamo su notizie e commenti giunti da chi ha potuto seguire le partite.

Ma arriviamo alle partite a cui abbiamo potuto partecipare ed incitare i nostri giocatori. Parliamo delle ragazze U16 che giocavano in trasferta a Vignate. Sulla carta partita tranquilla, invece… Invece si inizia con pesante inerzia da entrambe le parti. Ci si trascina per mano, punto su punto, a suon di errori con inspiegabile non-gioco. Forse il Vignate ha sparso qualche sostanza soporifera nell’aria? Fatto sta che non si capisce molto cosa stia succedendo in campo. Ma attenzione, la ROC ritrova la battuta e si comincia a costruire un discreto vantaggio che rincuora tutti i tifosi. Già, grazie a San Battuta riusciamo ancora una volta a disincagliarci portando a casa il primo set. Si rientra in campo ma, le gambe sono molli e le teste pure. Si sbaglia troppo, il gioco latita, e sotto rete non siamo incisivi. Ed intanto il Vignate comincia ad entrare mentalmente in partita, soprattutto quando decide di organizzare la difesa e di non far cadere più alcuna palla a terra portando il risultato in parità….e soffriamo. Le ragazze provano a darsi una scrollata, ma sono solo degli episodi sporadici che accendono le speranze, soprattutto legate a giocate singole e non corali. Ma è proprio grazie a queste che conquistiamo il terzo set: 2-1. Il Vignate non ci sta, serra i ranghi e la difesa diventa ancora più impenetrabile. E lo si vede proprio nel quarto set quando finalmente la ROC decide di giocare, decide che costruire si può, decide che si può andare a vincerla questa partita: ed ecco il muro, la veloce, e poi schiacciate a ripetizione. Le ragazze ora ci sono, sentono la pressione e rispondono a dovere: il problema è che il Vignate ha in campo una difesa messa giù “a puntino” e ora riesce a prenderci tutto. Set tiratissimo ma perso: 2-2. Si soffre ancora troppo…. Andiamo sul terzo set decisivo, ed eccola lì di nuovo l’intercessione da parte di San Battuta: entra la prima, entra la seconda e via, si prende il largo e si va a vincere il match: e anche questa è andata… ma occorre urgentemente migliorare.

La domenica sera è il momento della squadra Genitori che, in gran numero, si reca in trasferta nel campo del Cusano Milanino. Non conosciamo i nostri avversari, dobbiamo giocarcela. Si inizia molto bene. Un primo set molto giocato da entrambe le parti, la partita è avvincente. La ROC commette qualche errore in più sul recupero delle palle e questo ci penalizza oltremodo in quanto andiamo sotto: 0-1. Rientriamo nel secondo set col medesimo piglio ma il Cusano è concentrato, ben disposto in campo, e copre molto bene la sua zona. Noi giochiamo troppo “puliti” e questo ancora una volta ci penalizza in quanto diventiamo prevedibili. Sotto ancora: 0-2. Attenzione però, non è che la ROC non stia giocando ! E’ il Cusano che riesce a neutralizzare i nostri colpi ! La dimostrazione avviene proprio nel terzo set, quando il Cusano mette in panchina forse il suo uomo migliore e noi, con giocate non proprio consuete e a volte di fortuna riusciamo a mettere seriamente in difficoltà gli avversari. Il Cusano prova a riprendersi piazzando palle morbide che scavalcano il nostro muro e noi riusciamo solo in extremis a tirarle su, anche con i piedi…piedi fatati che ci permettono di essere ancora in partita: 1-2. Il Cusano non ci sta e rimette in campo il suo “magic-man” che sin da subito detta legge. Nel quarto set mette a segno 10/11 punti solo lui e la ROC non riesce ad arginarlo: siamo sul 3-1. Di nuovo in campo a testa bassa, la ROC c’è ancora ma non riesce a tirar fuori quella malizia che potrebbe trasformarsi in chiave di volta. Si gioca stretti su ogni palla. I punti si susseguono senza creare divario tra le due squadre. Riusciamo ad essere quasi sempre in vantaggio, ma verso la fine il Cusano ha un sussulto d’orgoglio che sembra poter sancire la fine della partita. Ma ripetiamo, la ROC non è ancora doma: un colpo di qua, uno di là, colpo di spalla poi di tacco, palla che non vuole toccare terra, fino a quando “fata-fabi” compie tre magie, una dopo l’altra: palla morbida a scavalcare il muro,  palla piazzata al centro ed infine schiacciata…e la ROC c’è ! Si esce sconfitti per 2-3 ma consapevoli di essere completamente in gioco in quanto il Cusano è squadra da non sottovalutare affatto, teniamola d’occhio. Noi…

CI RIFAREMO ALLA PROSSIMA !      

Lascia un Commento

ROC SOCIAL
    
ULTIME NOTIZIE
FOTO SHOW
CALENDARIO
maggio: 2020
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Login
Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com