....

knockout

Belle, superlative, fantastiche, incontenibili ….insomma metteteci voi l’aggettivo più appropriato. Il fatto inconfutabile è che è stato un gran colpo d’incontro quello che la nostra UNDER12 ha saputo infliggere sabato scorso sul campo avversario del Cesate: un 5-0 tondo tondo.  Non siamo mai stati abbastanza generosi nel descrivere le imprese di queste ragazze ma, se scorrete i vari articoli presenti sul sito, vi accorgerete come questa formazione abbia stampato un rullino di marcia davvero impressionante, con risultati che non lasciano adito ad alcun errore di interpretazione. Le partite/set vinti parlano da soli e sono lì a testimoniare il frutto degli sforzi prodotti in tutto il campionato sia dalle ragazze che da coloro che ne curano la crescita. Il prezioso valore espresso da questa giovane squadra è capace di tranquillizzare tutti sulle grandi prospettive del futuro ROC . Ora sono lì a giocarsi i quarti di finale pronte a trasmette ancora emozioni da brivido per tutti i loro sostenitori.

INFINITAMENTE ROC !  

Ma il venerdi sera abbiamo assistito alla partita in casa contro il Melzo dei GENITORI . Una partita “AL CERINO” ! Avete presente quando si accende un cerino vero ? La fiamma arde subito con veemenza, per poi stabilizzarsi e cominciare lentamente a percorrere tutto il bastoncino affievolendosi sempre più….fino ad arrivare a spegnersi definitivamente. E’ proprio quello che si è visto sul campo: partenza fulminea della ROC che prende di sorpresa gli avversari con un gioco vario e capace di creare varchi nel campo avversario. Si prendono subito quei tre punticini di vantaggio che danno respiro per poi proseguire con un tete-à-tete sul fil di rete. Le conclusioni con schiacciate sono efficaci da entrambe le parti, ma soprattutto si sono visti lunghi scambi con ricezioni e costruzione di azioni tali da deliziare i presenti. Ottimo primo set concluso davanti per 20-16. Si rientra in campo per il secondo set col cerino acceso: il Melzo effettua cambi importanti molto probabilmente ancora freddi per poter entrare da subito in partita. Infatti concedono molto regalandoci un vantaggio prezioso da portare fino in fondo al set. Purtroppo però il cerino comincia a ridurre la sua fiamma anche perchè il Melzo comincia a soffiare sempre più forte fino a riprendersi il set: 1-1. Summit panchinale con il coach Dom che tiene il cerino ancora in vita. Allora di nuovo dentro facendo attenzione a non bruciarsi le dita. Teniamo ma subiamo i colpi vincenti del Melzo: 1-2….ma il cerino è ancora acceso ! Dai, forza vecchia ROC….niente da fare, il vento del Melzo è diventato ancora più tumultuoso abbattendosi nel nostro campo: 1-3. Ora le dita cominciano a sentire un pò di bruciore: è l’ultimo set, quello che fa registrare lo spegnimento definitivo del cerino. Il Melzo è lì che prepara e infligge il colpo del KO: 1-4.  Cosa dire ? Che il Melzo è primo nel girone, e si capisce anche il motivo, ma la ROC riesce sempre a dare fastidio portando via quel tanto che basta per rimanere agganciata al secondo posto. Forse…bisogna sostituire il cerino con….una fiaccola ? Potrebbe darsi….ma crediamo che la strada intrapresa sia quella giusta !

 FORZA VECCHIA ROC !      

Arriviamo così alla domenica dell’UNDER14. Non vi nascondiamo che commentare la partita è come camminare in un “campo minato”: cosa fare ? Desistere e rinuciare o rischiare di farsi saltare con la consapevolezza di essere coerenti e soprattutto se stessi ?  Il carattere ROC suggerisce di rischiare ….e crediamo sia giusto “fotografare” ciò che gli occhi vedono. Allora….proviamoci ancora. Una partita difficile già dalle premesse ma sicuramente non impossibile. Si parte con lo svantaggio di 2-3 dell’andata. Se si vuole andare avanti occorre mettere in campo tutto ciò che di meglio abbiamo….e si parte. Il Bareggio è solido sin dalle prime battute, la ROC invece commette qualche sbavatura din dalle prime battute. Con questa differenza il Bareggio porta a casa il primo set… e la salita diventa ancor più ripida. Attenzione però, la ROC non sembra affatto fuori dai giochi e, come qualcuno suggerisce, e’ consapevole del fatto che il “bareggio non gonda”. Così, pur concedendo il primo set la ROC riesce comunque a creare qualche grattacapo alle avversarie che però non perdono la concentrazione e tornano in campo decise a conquistare il secondo set….e così è. La ROC non cambia e le ragazze provano a metterci tutto il loro cuore facendo muro sulle schiacciate avversarie, ma non sembrano tranquille: si avverte una sorta di timore che si manifesta con le pochissime conclusioni in campo avversario….e se non si mette giù la palla…. Dobbiamo comunque sottolineare come il Bareggio, a differenza dell’andata, abbia alzato l’asticella sia in termini di finalizzazione del gioco ma in modo particolare per la capacità di non far cadere niente a terra: in questo modo le difficoltà per la ROC aumentano ancor di più.. Si ripone l’ultima speranza nel terzo set, della serie: “o dentro o fuori”.  Allora carte rimescolate con nuova formazione e la ROC prova a reagire, si ricostruisce un gioco fatto di ricezioni più precise che consentono alle alzatrici di mettere dei palloni buoni da stamparci sopra le cinque dita. È così si fa. Il Bareggio rimane sorpreso ma non si perde d’animo, anzi…risponde colpo su colpo e capisce che deve imprimere un accelerazione nel suo gioco. Si arriva a suon di cori al 24-24. Le gole ardono, i cuori palpitano e loro lì, a giocarsela fino in fondo, fino a prendere il colpo di “knockout” che decreta l’eliminazione della ROC. Si rimane con un pò di rammarico perchè, anche se di fronte c’era un Bareggio davvero di qualità, le nostre ragazze purtroppo non sono riuscite ad esprimere il loro gioco migliore…..altrimenti…

RIPROVACI ANCORA, ROC

Lascia un Commento

ROC SOCIAL
    
ULTIME NOTIZIE
FOTO SHOW
CALENDARIO
ottobre: 2021
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Login
Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com